Claudio Descalzi: Eni e Cdp, insieme per la sostenibilità

27 marzo 2019

"Un accordo d'importanza strategica" Claudio Descalzi ha commentato così la nuova partnership tra Eni e Cassa Depositi e Prestiti. L'Amministratore Delegato del Gruppo ha incontrato Fabrizio Palermo di Cdp per firmare un accordo di collaborazione congiunta per iniziative in Italia relative a economia circolare, decarbonizzazione e sostenibilità. In particolare, verranno rilanciati siti industriali: Eni apporterà le competenze tecnico-commerciali contando, inoltre, sulle proprie controllate Syndial ed Eni New Energy, mentre Cassa Depositi e Prestiti contribuirà favorendo i rapporti con le pubbliche amministrazioni e istituzioni coinvolte.

Ancora da valutare, invece, alcune iniziative di elevato impatto socio-economico e ambientale in Paesi in via di sviluppo, nell'ambito della lotta al surriscaldamento globale. Oltre a queste, anche la realizzazione di impianti per la produzione di combustibili, partendo dalla frazione organica dei rifiuti e di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, insieme ad altri investimenti. Guidata da Claudio Descalzi, Eni si era già impegnata concretamente avviando la costruzione di due nuove strutture fotovoltaiche in Tunisia e Pakistan, attraverso le controllate Eni New Energy Pakistan e Eni Tunisia BV.

L'AD del Gruppo, lieto dell'alleanza siglata, ha ribadito l'importanza della trattativa, come incentivo a proseguire il percorso verso un futuro energetico sempre più sostenibile. Inoltre, ha lanciato un appello generale invitando all'impegno collettivo per il bene del sistema. Queste le sue parole: "Il nostro è un percorso ambizioso e concreto, per il quale abbiamo già compiuto passi davvero importanti, ma non possiamo portarlo a termine solo con il nostro impegno. Occorre fare sistema a livello Paese, promuovere la cultura della sostenibilità e della circolarità a tutti i livelli istituzionali e del tessuto economico, e mettere a fattore comune possibilità di investimento e know-how".